Dall’Ispettorato del Lavoro chiarimenti sui compiti del datore di lavoro sul primo soccorso e prevenzione incendi.

L’Ispettorato del Lavoro, con circolare n. 1/2018 dell’ 11/01/2018, ha fornito indicazioni operative sulla corretta applicazione della disposizione di cui all’articolo 34, comma 1, del decreto legislativo n. 81/2008 relativa allo svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di primo soccorso, prevenzione incendi e di evacuazione.

Precedentemente era consentito lo svolgimento diretto dei compiti di primo soccorso, di prevenzione incendi e di evacuazione, da parte del datore di lavoro solo nelle imprese fino a cinque lavoratori.

Ora, al contrario, viene riconosciuto anche a quelle aziende con più di cinque lavoratori il vantaggio di avere un datore di lavoro in possesso della formazione prevista per gli addetti antincendio e per addetti al primo soccorso.

Il fatto che il datore di lavoro, con una precedente e adeguata formazione, possa svolgere in prima persona le attività sopra descritte, non gli consente di operare in totale libertà nell’attuazione di tali compiti. Esso, infatti, dovrà avvalersi di lavoratori incaricati dell’attuazione di queste misure, che vanno designati in numero adeguato e sufficiente alla natura dell’azienda, alla dimensione e ad altre caratteristiche. Vengono escluse le realtà aziendali considerate comunque a rischio.

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.197 del 24/08/17 il Decreto del Ministero dell’Interno, sulle tecniche di prevenzione incendi applicabili nelle attività scolastiche

Le norme tecniche contenute nel Decreto “Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le attività scolastiche” si possono applicare a :

  • attività scolastiche esistenti alla data di entrata in vigore del Decreto
  • attività scolastiche di nuova realizzazione, ad esclusione degli asili nido.

I riferimenti circa le attività coinvolte, al numero 67 dell’allegato 1 del D.P.R. 1° agosto n. 151.

Questa nuova Regola Tecnica è stata approvata come previsto dal Decreto Legislativo 8 marzo 2006, num. 139.

Entrata in vigore: 25 agosto 2017

La norma prescrive la nuova segnaletica da utilizzare nella prevenzione di infortuni, in caso di incendio o di evacuazioni di emergenza

Entrata in vigore dal 20 Luglio 2017, la norma sostituisce la precedente UNI EN ISO 7010:2017 del 2/02/17, poi ritirata.

 “Segni grafici – Colori e segnali di sicurezza – Segnali di sicurezza registrati” è l’insieme di tutti i simboli universalmente conosciuti in caso di:

  • incendio,
  • evacuazione,
  • prevenzione degli infortuni

e che risultano utili soprattutto per l’informazione sui pericoli alla salute.

La norma è applicabile a tutti i siti in cui è necessario esporre la segnaletica di prevenzione dei rischi.
Non è applicabile ai segnali utilizzati nel settore ferroviario, stradale, fluviale, marittimo o aereo.

Aggiornamento della versione 2008 della norma UNI EN 1442 sui requisiti tecnici per la costruzione di recipienti per il trasporto di gas GPL

La norma UNI EN 1442, in vigore dal 15 Giugno 2017,  aggiornata per l’inserimento di bombole GPL “over-moulded” e nella pressione minima di esplosione, specifica i requisiti minimi relativi a:

  • progettazione
  • costruzione e
  • prove in fase di fabbricazione

dei recipienti trasportabili e ricaricabili di acciaio saldato per gas di petrolio liquefatto.

La norma si applica solo alle bombole con sezione trasversale circolare.

Le bombole progettate e realizzate secondo i requisiti di questa norma possono essere considerate “over-moulded” come da appendice B.

Serrande di controllo dei fumi: aggiornamento della UNI EN 1366

L’11 Maggio 2017 è entrata in vigore la UNI EN 1366-10:2017. La norma si intitola “Prove di resistenza al fuoco per impianti di fornitura servizi. Parte 10: Serrande di controllo dei fumi“.

Questa norma specifica i metodi di prova per le serrande di controllo dei fumi per valutare la loro prestazione quando sottoposte ad elevate temperature o in condizione di incendio. La norma è da utilizzare unitamente alla EN 12101-8, UNI EN 13501-4, UNI EN 1366-2, nonchè alla UNI EN 1363-1, che fornisce ulteriori dettagli per le prove di resistenza al fuoco. Sono da considerare anche i requisiti di installazione definiti nelle UNI EN 1366-8 e UNI EN 1366-9.

Nuova guida INAIL sugli impianti elettrici nei locali medici

E’ pubblicata una nuova guida INAIL intitolata “Impianti elettrici nei locali medici: verifiche“. Essa informa che è obbligo del datore di lavoro provvedere affinché nei luoghi di lavoro i lavoratori siano protetti dai rischi di natura elettrica. Ciò si applica anche ai locali medici dove, alla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori si aggiunge quella dei pazienti.

I pazienti sono soggetti a rischio elettrico per parametri mille volte inferiori ai valori di attenzione in condizioni normali. Il lavoro presenta:

  • le disposizioni legislative e normative;
  • alcune indicazioni per la realizzazione degli impianti elettrici nei locali medici;
  • indicazioni per lo svolgimento delle verifiche.

Nuova UNI sui Vapori infiammabili e Gas

Lo scorso 9 Marzo 2017 entra in vigore la UNI EN 1839:2017 sulla “Determinazione dei limiti di esplosione e della concentrazione limite di ossigeno (LOC) per gas e vapori infiammabili“.

Questa norma determina 2 metodi di prova : il metodo T e il metodo B. Essi servono per determinare i limiti di esplosione di gas, vapori e le loro miscele e la LOC.

La norma si applica a gas, vapori e le loro miscele a pressione atmosferica per temperature fino a 200 °C.

Regola tecnica per le Autorimesse n.75

E’ pubblicato in G.U. il Decreto n. 52 del 03 Marzo 2017 in cui sono approvate le norme tecniche di prevenzione incendi per le attività di autorimessa. Il presente decreto entrerà in vigore il trentesimo giorno successivo alla data della sua pubblicazione.

In merito al campo di applicazione il Decreto fa riferimento alle autorimesse di superficie complessiva superiore ai 300 m², classificate con il numero 75 nel DPR n.151/2011.

Il Decreto in oggetto modifica il Codice di Prevenzione Incendi all’allegato 1 del DM 3 Agosto 2015 aggiungendo, appunto, l’attività di autorimessa.

 

Nuova UNI EN sui segnali di sicurezza

E’ pubblicato dall’ UNI la nuova UNI EN ISO 7010:2017, entrata in vigore il 2 Febbraio, in cui vengono prescritte le caratteristiche dei segnali di sicurezza grazie ai quali è possibile prevenire gli infortuni. Ci sono altre ISO, quali la n. 3864-3 e 3864-1, che ne indicano la forma ed il colore quindi la loro progettazione al fine di prevenire gli infortuni.

La segnalazione non solo è utile alla prevenzione degli infortuni ma anche alla protezione dal fuoco e dal materiale infiammabile, all’informazione sui pericoli e all’evacuazione di emergenza.

Queste norme devono essere applicate in tutti i luoghi di lavoro ove è prevista la messa in sicurezza dei lavoratori. Non è applicabile invece ai segnali del traffico ferroviario, stradale, fluviale, marittimo e aereo. Questi diversi settori logicamente hanno la loro normativa di riferimento.

La norma indica la forma originale del segnale di sicurezza che può essere variato solo ed unicamente nella sua dimensione quindi ridurlo o ingrandirlo per esigenze di riproduzione o applicazione.

Normativa antincendio: proroghe per le strutture scolastiche

Pubblicato in Gazzetta ufficiale , il 30 Dicembre 2016, il Decreto Legge Milleproroghe n.244 che stabilisce rinvii e proroghe in merito a svariate tematiche quali l’adeguamento antincendio di scuole e alberghi, proroghe in materia di pubbliche amministrazioni, giustizia, sviluppo economico, ambiente , salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

In relazione alle strutture scolastiche, Il Decreto Milleproroghe, per chi non avesse ancora provveduto, pone il 31 Dicembre 2017 come termine ultimo all’adeguamento della normativa antincendio. Data ulteriormente prorogata in quanto, nel precedente Decreto Milleproroghe 2015, la data stabilita era il 31 Dicembre 2016. Disposizioni dettate dall’Art 4 comma 2 del DL in oggetto facendo riferimento non solo alle strutture scolastiche ma anche ai locali adibiti a scuole.


Gruppo SOI - Divisione SIAL - Via Brofferio 3, 10121 Torino - Tel. 011 5623454 - Fax. 011 5629090 - P. IVA 02774280016