Rifiuti: spedizioni e relativo recupero o smaltimento

È stato pubblicato il 22 Dicembre 2016, sulla GU il 10 Gennaio 2017 n.7, il DM per l’adozione del Piano nazionale delle “ispezioni di stabilimenti, imprese, intermediari e commercianti in conformita’ dell’art. 34 della direttiva 2008/98/CE, nonche’ delle spedizioni di rifiuti e del relativo recupero o smaltimento.

Il Regolamento (CE) n.1013/2006 ha come priorità il controllo sulle spedizioni dei rifiuti; tematica introdotta dal “Piano nazionale delle ispezioni”. Il fine è quello di condannare ed individuare le spedizioni illegali dei rifiuti che divengo causa di notevoli danni alla salute umana e all’ambiente quando non vengono recuperati o smaltiti nella maniera corretta.

Ciascun Stato membro, con le proprie autorità competenti di controllo, deve assicurare supporto e collaborazione alle autorità che si trovano a dover gestire queste tipologie di illeciti. In ragione di questo i Piani di ispezione degli Stati membri concorrono al Piano nazionale delle ispezioni per armonizzare a livello europeto le modalità di ispezione e, come detto in precedenza, in conformità con l’Art 34 della Direttiva 2008/98/CE.

 

INAIL: Pubblicata circolare di reinserimento

La circolare pubblicata dall’INAIL informa che sono stati messi a disposizione dall’ente 21,2 milioni di euro per sostenere i datori di lavoro affinchè conservino i posti di lavoro alle persone con disabilità. Il datore di lavoro può beneficiare di un rimborso o di un anticipo delle spese solo nel caso in cui gli interventi proposti riguardino il superamento/abbattimento delle barriere architettoniche nei luoghi di lavoro, l’adeguamento e adattamento delle postazioni di lavoro e la formazione.

Queste sono le tre tipologie previste dal nuovo Regolamento, approvato 11 Luglio con determina n. 258 dal Presidente Massimo De Felice, per il reinserimento e l’integrazione lavorativa delle persone con disabilità da lavoro. La circolare è stata appunto pubblicata dall’INAIL per assicurare un’omogena applicazione su tutto il territorio.

Proroghe in merito ai registri di esposizione

Il DL MilleProroghe detta disposizioni specifiche in molti settori; precedentemente l’abbiamo analizzato sotto profilo delle proroghe della normativa antincendio negli enti scolastici mentre ora ci soffermiamo ad analizzare un’altra disposizione. Trattiamo le modifiche dell’art 53, del D.Lgs 81/2008, poste dal Decreto Legge all’Art 3.

L’articolo in questione fa riferimento ad una disposizione del Testo Unico di Sicurezza, relativamente ai registri degli esposti ad agenti cancerogeni e biologici, prorogando di sei mesi le tempistiche in merito alla tenuta della documentazione. Vengono quindi, all’interno dell’articolo, sostituite le parole «fino a sei mesi» con «fino a 12 mesi».

Il bilancio degli infortuni sul lavoro

Dopo molti anni di miglioramento il bilancio degli infortuni  è destinato a peggiorare. Dal 2008 al 2014 è stata registrata una diminuzione del fenomeno infortunistico dovuta anche al periodo di profonda crisi economica attraversata dal nostro Paese. Il calo della produzione e dell’occupazione sono sicuramente dei fattori che comportano un decremento del rischio infortunistico.

Con i recenti dati pubblicati dall’INAIL possiamo affermare che, nel 2016,  il bilancio è aumentato in seguito all’incremento avuto delle denunce degli infortuni sul lavoro. La sezione statistica di riferimento dell’INAIL è l’Open Data dove fortunatamente non si registrano aumenti in merito alle malattie professionali e alle morti per incidenti sul lavoro.

Un report UNI CEN sui metodi ergonomici

In vigore dal 20 Dicembre il “Metodo feedback” riportato nella parte 1 della norma UNI CEN/TR 16710:2016 sui metodi ergonomici. Metodo che serve per comprendere come viene svolta l’attività degli utenti che si trovano ad interagire con le macchine.

Il report tecnico CEN/TR 16710:2016,  già in vigore dal 9 Dicembre e poi recepito dalla UNI, presenta una metodologia di analisi delle informazioni di ritorno provenienti dall’utilizzo dei macchinari. L’obbiettivo è quello di facilitare la ricostruzione e comprensione delle modalità con le quali il lavoro viene eseguito tramite appunto una specifica elaborazione dei dati raccolti dalle esperienze degli utenti che utilizzano le macchine. Questi medoti permettono così di identificare gli aspetti critici che hanno un impatto sulla salute e la sicurezza dei lavoratori stessi.

Normativa antincendio: proroghe per le strutture scolastiche

Pubblicato in Gazzetta ufficiale , il 30 Dicembre 2016, il Decreto Legge Milleproroghe n.244 che stabilisce rinvii e proroghe in merito a svariate tematiche quali l’adeguamento antincendio di scuole e alberghi, proroghe in materia di pubbliche amministrazioni, giustizia, sviluppo economico, ambiente , salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

In relazione alle strutture scolastiche, Il Decreto Milleproroghe, per chi non avesse ancora provveduto, pone il 31 Dicembre 2017 come termine ultimo all’adeguamento della normativa antincendio. Data ulteriormente prorogata in quanto, nel precedente Decreto Milleproroghe 2015, la data stabilita era il 31 Dicembre 2016. Disposizioni dettate dall’Art 4 comma 2 del DL in oggetto facendo riferimento non solo alle strutture scolastiche ma anche ai locali adibiti a scuole.

Prima fase del Bando ISI 2016

Si chiude ufficialmente il Bando ISI 2015 per poter dare inizio all’ ISI 2016 e alla sua prima fase di assegnazione degli incentivi a fondo perduto. Il 19 Aprile 2017, come deciso dall’INAIL, inizierà così la fase iniziale per decidere come verranno investiti i 244 milioni stanziati dall’INAIL per chi investirà in sicurezza.

Con Determina n. 381 del 15 Dicembre 2016 è stato cosi approvato il Bando che, pubblicato poi il 23 Dicembre, mette a disposizione il fondo, ripartito ed assegnato fino ad esaurimento in base alll’ordine cronologico di arrivo delle domande, alle imprese anche individuali, di artigianato e agricoltura.

 

Rettifica del Regolamento (CE) n. 1272/2008 – CLP

In data 21 Dicembre 2016 è stata pubblicata, in Gazzetta Ufficiale Europea l349, la rettifica al Regolamento (CE) n. 1272/2008 inerente alla classificazione, all’etichettatura e all’imballaggio delle sostanze e miscele.

Il nuovo Regolamento è una revisione ed un’aggiornamento del sistema di classificazione ed etichettatura dei prodotti chimici, basato sulle direttive 67/548/CEE sulle sostanze pericolose e 1999/45/CE sui preparati pericolosi.


Gruppo SOI - Divisione SIAL - Via Brofferio 3, 10121 Torino - Tel. 011 5623454 - Fax. 011 5629090 - P. IVA 02774280016