Un nuovo opuscolo INAIL chiarisce come operare in sicurezza in prossimità di linee elettriche aeree

Il DIT (Dipartimento Innovazioni Tecnologiche e Sicurezza degli Impianti, Prodotti e Insediamenti Antropici) di INAIL ha recentemente pubblicato un nuovo opuscolo gratuito sul tema dei “Lavori in prossimità di linee elettriche aeree – Valutazione del rischio e misure di prevenzione”, rivolto principalmente a chi lavora nel settore dei cantieri industriali, col rischio di contatto o di avvicinamento a linee elettriche aeree.

Ricordiamo che il Testo Unico individua chiaramente (nella Tabella 1 dell’Allegato IX) i limiti minimi per la distanza che deve essere mantenuta tra il lavoratore e la linea elettrica ai fini della sicurezza, consentendo eccezioni solo in quei casi in cui siano state prese specifiche precauzion.

Modificata la regolamentazione sulla domanda del credito d’imposta per le bonifiche di aree contenenti amianto

 

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 243 del 17 ottobre 2016 è stato pubblicato il Decreto del Ministero dell’Ambiente del 15 giugno 2016 “Modalità attuattive del credito d’imposta per interventi di bonifica dei beni e delle aree contenenti amianto”, con il quale sono stati introdotti nuovi criteri e nuovi iter per l’attribuzione del credito d’imposta per gli interventi di cui nel titolo. Ricordiamo che tali disposizioni erano già state anticipate nell’art. 56 della Legge 28 dicembre 2015, n.221 “Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenumenti dell’uso eccessivo di risorse naturali”.

Il nuovo Decreto garantisce alle imprese che inizieranno, nel 2016, interventi di bonifica dell’amianto su beni e strutture è produttive un credito d’imposta del 50%, posto che i costi di bonifica superino i 20.000€. Il rimborso sarà erogato in tre quote annuali di pari importo a partire dal 2017.

Per richiedere il credito d’imposta è occorre compilare il modello F24 online.

7 quesiti sul sito del Ministero dell’Ambiente chiariscono come applicare le nuove norme post Decreto Seveso III

 

Il Coordinamento per l’uniforme applicazione sul territorio nazionale del D.Lgs. 105/2015 (Seveso III) ha pubblicato sul sito del Ministero dell’Ambiente diversi chiarimenti, in materia di applicazione delle nuove norme e nuova classificazione delle sostanze pericolose, sotto forma di risposta a 7 quesiti.

Elenchiamo di seguito i titoli dei quesiti, riportanti indicazioni sulle tematiche affrontate:

  • QUESITO N. 1/2016: Validità decreti direttoriali ex D.Lgs. 334/99 relativi alla perimetrazione delle aree soggette ad effetto domino.
  • QUESITO N. 2/2016: In quali casi le condotte per il trasporto di sostanze pericolose sono da considerare come parte dello stabilimento e pertanto sottoposte alla disciplina ex D.Lgs. 105/2015.
  • QUESITO N. 3/2016: Applicazione della deroga all’invio della notifica prevista dall’art. 13, comma 3 del D.Lgs. 105/2015
  • QUESITO N. 4/2016: Presentazione del Rapporto di Sicurezza o del suo aggiornamento ai sensi dell’art.15
  • QUESITO N. 6/2016: Applicazione della regola della sommatoria per l’Idrazina idrato
  • QUESITO N. 8/2016: Assoggettabilità alla disciplina di cui al D.Lgs. 105/2015 delle attività di esplorazione, estrazione e coltivazione di idrocarburi su terraferma
  • QUESITO N. 9/2016: Classificazione ex D.Lgs. 105/2015 per oli lubrificanti e biodiesel.

Novità nelle modalità di iscrizione all’Albo nazionale gestori ambientali nella categoria 6

 

Ricordiamo che la Deliberazione 13/07/16, n.03/ALBO/CN “Criteri, requisiti e modalità per l’iscrizione all’albo nazionale gestori ambientali nella categoria 6 (imprese che effettuano il solo esercizio dei trasporti transfrontalieri di rifiuti di cui all’articolo 194, comma 3 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n.152” è entrata in vigore il 15 ottobre.

Segnaliamo inoltre che la modalità di presentazione della domanda per l’iscrizione all’Albo (in particolare nella categoria 6) è ora esclusivamente telematica, secondo il modello fornito nell’allegato “A” della Deliberazione.

Pubblicata una guida elettronica aggiornata per l’amministrazione della forza lavoro che invecchia

 

In vista della Settimana Europea per la Sicurezza e la Salute sul Lavoro 2016 (dal 24 al 30 ottobre),  EU-OSHA, ente organizzatore dell’evento, ha reso disponibile per oltre 30 Paesi Europei la Guida elettronica sulla gestione della sicurezza e della salute sul lavoro per una forza lavoro che invecchia. La versione italiana è disponibile qui.

 

Pubblicata una nuova guida alla luce del nuovo Codice Appalti

 

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 238 del 11 ottobre 2016 è stata pubblicata la Delibera ANAC n. 105/2016 del 21 settembre, contenente linee guida sull’offerta economicamente più vantaggiosa dopo il nuovo Codice Appalti. Si ricorda anche la precedente pubblicazione contenente linee guida di questo tipo, la “Delibera del 14 settembre 2016 sull’affidamento dei servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria“, pubblicata in Gazzetta Ufficiale  n.228 del 29 settembre 2016.

INAIL ha pubblicato una guida su come valutare i rischi dovuti alle scariche atmosferiche

 

Segnaliamo la recente pubblicazione da parte di INAIL dell’opuscolo “Impianti di protezione contro le scariche atmosferiche – Valutazione del rischio e verifiche“. All’interno del fascicolo, disponibile gratuitamente sul sito dell’Istituto, vengono riassunte indicazioni su come valutare correttamente il rischio di scariche atmosferiche, alla luce delle ultime modifiche subite dal Testo Unico e dalle normative tecniche (vengono citate in particolare le guide CEI 81-29 e CEI 81-30).

A cura di INAIL è stata pubblicata la versione italiana del Codice Internazionale di Etica per la medicina del lavoro

 

INAIL ha recentemente pubblicato una traduzione in italiano del Codice internazionale di etica (in originale ICOH – International Commission on Occupational Health). Nel codice, in vigore dal 2002, vengono fissati criteri a cui chi opera nell’ambito della medicina del lavoro può scegliere di aderire per indirizzare e valutare la propria condotta professionale. Segnaliamo inoltre che, per quanto non abbia carattere normativo, il testo gode di notevole autorità e viene frequentemente menzionato anche all’interno di documenti quali il Testo Unico.

L’ATS Milano ha pubblicato un quaderno tecnico con informazioni e norme utili sulla sicurezza nei lavori in spazi confinati o sospetti di inquinamento

 

L’ Azienda Sanitaria Locale di Milano (ATS Milano) ha recentemente pubblicato un quaderno tecnico, frutto della lavoro di Medici e Tecnici della Prevenzione del Servizio PSAL dell’azienda, in cui vengono ribadite informazioni e norme utili a garantire la sicurezza dell’attività lavorativa in spazi confinati o sospetti di inquinamento, già delineate dal Decreto del Presidente della Repubblica del 14 settembre 2011, n. 177 (Regolamento recante norme per la qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi operanti in ambienti sospetti di inquinamento o confinanti, a norma dell’articolo 6, comma 8, lettera g), del decreto legislativo 9 aprile 2008, n.81). Per ulteriori informazioni o per consultare il testo rimandiamo alla pagina dedicata sul sito www.testo-unico-sicurezza.com.

A cura di UNI è pubblicata nuova parte della normativa UNI EN 1794-3:2016 sulla reazione al fuoco

 

Segnaliamo la recente pubblicazione da parte di UNI della terza parte della normativa UNI EN 1794-3:2016 “Dispositivi per la riduzione del rumore da traffico stradale – Prestazioni non acustiche – Parte 3: Reazione al fuoco – Comportamento alla combustione dei dispositivi per la riduzione del rumore e classificazione“.
La norma è entrata in vigore il 22 settembre 2016.


Gruppo SOI - Divisione SIAL - Via Brofferio 3, 10121 Torino - Tel. 011 5623454 - Fax. 011 5629090 - P. IVA 02774280016